Le due anime del Giappone

1

Nel cuore del Giappone, più precisamente nell’antico centro di Oiso, ancora oggi si possono trovare tracce degli antichi insediamenti delle popolazioni che da più di 2000 anni vivono queste valli a ridosso dell’oceano. Ed è proprio tra l’oceano e le montagne che sorge arroccata su un pendio la casa progettata dallo studio di architettura DGT.

Uno spesso basamento, alto quanto un piano, i cui colori sono quelli della terra scura che circonda la cittadina di Oiso, sorregge un volume in legno dalla forma chiara e pulita. Lo zoccolo massiccio alla base dell’edificio ospita la zona giorno dove i servizi quali la cucina e i bagni sono racchiusi dentro a blocchi dalle pareti materiche, tra i quali si innestano spazi verdi che sembrano spaccare la roccia per farsi strada. Le grandi vetrate, il cui telaio quasi scompare, danno l’impressione di poter toccare le piante che crescono rigogliose e che con i colori delle loro foglie mutano l’aspetto della casa con il passare delle stagioni.

Al piano superiore un apio open space si affaccia su una lunga vetrata che corre per tutta la lunghezza del volume in legno. Il rivestimento dai toni caldi tendenti al rosso e arancio insieme alla coperture a doppia falda ci avvicina alle atmosfere delle architetture tradizionali giapponese. Al piano terra invece le grandi finestre e la scelta di giocare su poche tonalità di colore, per lo più grigio e bianco, ci riporta alla contemporaneità facendoci assaporare le due anime, solo apparentemente distanti, del Giappone.

2

3

4

5

6

7

9

11

10

Foto di Takumi Ota.

***

Visita il nostro sito www.cetos.it

cetos-firma-v4

Be first to comment