Una casa per Dong-joo Yoon

1

È dedicata al poeta coreano Dong-joo Yoon, morto in Giappone durante la Seconda Guerra Mondiale, la casa progettata da Byoung Soo Cho che si sviluppa interamente sotto al livello del terreno ad un’ora dalla capitale Seoul.

Sei piccole stanze ed una grande corte a cielo aperto formano questa inconsueta abitazione che nasce con lo scopo di portare a riflettere su se stessi e sul mondo che ci circonda.

Una copertura in cemento e un grande buco quadrato sono tutto ciò che risulta visibile dall’esterno, caratterizzato da boschi e risaie. I molti visitatori che giungono in questo luogo per conferenze ed incontri accedono alla casa tramite una stretta scala che conduce direttamente alla corte. I muri di contenimento in cemento armato lasciato a vista sono arricchiti da ceppi di legno degli alberi che un tempo crescevano in questa zona.

Di notte  le luci provenienti dal terreno creano suggestive scenografie luminose in cui gli alberi, illuminati dal basso, assumono un asp­etto drammatico e affascinante.

La giustapposizione di materiali come il legno lasciato naturale, il cemento e la terra battuta enfatizzano le caratteristiche dei singoli elementi che si sposano armoniosamente.

All’interno le stanze misurano un pyoung, antica unità di misura coreana che corrisponde a circa 3.3 metri quadrati, considerata tradizionalmente la dimensione ottimale per rilassarsi e mettersi in contatto con se stessi.

5

2

3

8

4

6

7

Foto di Wooseop Hwang.

***

Visita il nostro sito www.cetos.it

cetos-firma-v4

Be first to comment