Un albero a Tokyo

1

I progettisti dello studio giapponese Mount Fuji Architects hanno progettato un’abitazione per una giovane coppia nel cuore di Tokyo abbandonando il sistema di riferimento cartesiano in favore del sistema di coordinate polari.

La scelta è stata dettata dalla particolare, e irregolare, conformazione del lotto, incastrato tra le case circostanti, che non permetteva l’utilizzo di un sistema a griglia ortogonale per la progettazione dell’edificio. Non volendo rinunciare ad una regola geometrica i progettisti si sono avvalsi del sistema di coordinate polari, che ha portato alla realizzazione di una struttura in legno composta da un pilastro centrale dal diametro di 1,1 metri, attorno al quale si dispongono a raggera le stanze della casa il cui soffitto è sorretto da numerose travi, ognuna disposta 55 millimetri più in alto della precedente.

Il risultato è un grande spazio in cui sia il soffitto che il pavimento salgano gradualmente verso l’alto, seguendo l’andamento del terreno e sembrano portarci all’interno di un grande e accogliente albero.

Il grande spazio interno è suddiviso in quattro ambienti, quello con il soffitto più basso pensato come zona notte poiché più intimo e meno illuminato, e quello dal soffitto più alto ospita la zona giorno caratterizzata da un lucernario che insieme alle grandi finestre sulle pareti laterali porta luce e calore all’interno della casa.

2

3

4

5

6

7

8

Foto di Ken’ichi Suzuki.

***

Visita il nostro sito www.cetos.it

cetos-firma-v4

Be first to comment