Letture surrelali

1

Lo studio cinese Vector Architects con sede a Pechino ha appena ultimato i lavori di realizzazione di una biblioteca che sorge lungo la spiaggia di Nandaihe, nel nord-est della Cina.

Le forme e le caratteristiche del luogo in cui il progetto si inserisce conferiscono un aspetto surreale all’edificio ultimato, all’interno del quale trovano posto numerosi spazi di lettura che si confondono con luoghi dedicati alla meditazione e al relax.

Esternamente il volume si presenta in cemento caratterizzato dalla texture lasciata dai casseri in legno utilizzati durante il getto in opera. L’effetto è quello di una superficie discontinua che secondo la volontà dei progettisti riprende le increspature lasciate sulla sabbia dal vento e dall’acqua.

Tanto si presenta solido e severo dall’esterno, quanto internamente è stata posta l’attenzione sugli aspetti che rendono lo spazio accogliente e confortevole. In particolare tutto ciò con cui i visitatore entra in contatto (tavoli, sedie, pavimenti) è rivestito in legno, che stempera la presenza dei muri e dei soffitti in calcestruzzo.

Le grandissime vetrate che danno sull’oceano costituiscono il fulcro degli spazi dedicati alla lettura, invitando il lettore a perdersi, oltre che nei libri, nell’orizzonte che muta, come in uno spettacolo continuo, a seconda delle condizioni metereologiche.

Ogni luogo ha un suo carattere che deriva dalla forma delle pareti, dalle curvature assunte dai soffitti, e dai tagli di luce che sempre diversi permettono la creazione di quiete atmosfere vagamente surreali.

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

Foto courtesy by Vector Architects.

***

Visita il nostro sito www.cetos.it

cetos-firma-v4

Be first to comment