Contaminazioni

1

Una piccola villetta in un quartiere residenziale di Amburgo, un esiguo budget e la voglia di sperimentare sono le premesse alla base di questo progetto che una giovane famiglia tedesca ha deciso di affrontare insieme all’architetto Frank Drewes.

Alla casa costruita nel 1906 fu affiancata negli anni Sessanta una costruzione a “L” che ospitò per alcuni anni un minimarket. L’architetto propose di dipingere di grigio grafite il villino novecentesco e di ricoprire con assi di legno l’addizione successiva così da enfatizzare i diversi caratteri dei due edifici.

L’azione di uniformare completamente la superficie della casa sembra un gesto apparentemente semplice e banale ma il suo risultato porta ad una sdrammatizzazione dei caratteri classicheggianti propri dell’architettura di quel periodo storico, tanto da conferire all’edificio un aspetto quasi finto, simile ad un grande oggetto, ad un enorme giocattolo.

Il volume rivestito in legno oggi ospita soggiorno, cucina e servizi, e si apre verso il giardino privato grazie a tre grandi vetrate che inondano di luce naturale gli ambienti della casa.

La palette utilizzata sia all’interno che all’esterno prevede tre colori prevalenti: il nero antracite della facciata e dei serramenti, il grigio cemento dei rivestimenti e le tinte dorate del legno di larice che conferiscono una nota calda agli ambienti. A dare uno spiritoso tocco di colore ci pensano alcuni complementi di arredo come i contenitori dell’immondizia, uno arancione e uno verde, provenienti direttamente dalle strade della città di Amburgo.

2

3

4

5

6

Foto di Mark Seelen

***

Visita il nostro sito www.cetos.it

cetos-firma-v4

 

 

 

Be first to comment