Sostituzione vecchi serramenti: istruzioni per l’uso

Dati recenti accertano che la maggior parte delle finestre presenti nel patrimonio edilizio italiano presentano una resistenza al passaggio del calore ed una tenuta all’aria ed all’acqua di gran lunga inferiori rispetto alle prestazioni attualmente richieste dal sistema-finestra.

La sostituzione dei soli serramenti, che potrebbe sembrare una buona soluzione per ridurre la dispersione di calore e migliorare la tenuta, è tuttavia un’operazione non sufficiente, se non addirittura controproducente. Infatti, limitandosi alla sostituzione dei vecchi serramenti si rischia l’insorgere di muffe e di condensa intorno al perimetro della finestra ed all’interno della muratura adiacente, poiché così facendo si va ad intaccare e neutralizzare l’effetto “ventilazione naturale” dovuto agli scostamenti anta-telaio presenti nei vecchi infissi. Si rende pertanto opportuno, quando si vogliano eseguire interventi di questo tipo, agire sull’intero foro finestra; ciò significa intervenire sul cassonetto (se presente), sul guida-cinghia, sul davanzale o sulla soglia ed anche sulle connessioni tra il serramento e la muratura. Un consiglio prezioso per ottimizzare gli investimenti di riqualificazione edilizia!

***

Visita il nostro sito www.cetos.it

cetos-firma-v4

Be first to comment