In continua crescita: il “Bosco verticale” di Boeri

Si appresta ad essere ultimato il progetto edilizio di Stefano Boeri Studio per la zona di Porta Nuova, a Milano. Le due torri residenziali, alte rispettivamente 111 e 78 metri, battezzate col nome di “Bosco Verticale” e caratterizzate dalla vertiginosa sequenza di terrazze giardino, sono state oggetto di milioni di fotografie, rubate dai passanti incantati dalla prima fioritura di peschi e ciliegi. Sono circa 20 mila le piante che crescono, quale emblema di rigenerazione del tessuto urbano, sui quattro lati delle torri,  che solo oggi cominciano a prendere la loro forma definitiva, rivelando un’anteprima su ciò che sarà “Bosco verticale” negli anni a venire. Il progetto di costruzione è stato infatti inaugurato tra il 2009 ed il 2010 e non è stato ancora portato a termine. Finalizzate alla riqualificazione urbana del quartiere storico posto tra via De Castillia e via Confalonieri, le due strutture si propongono come audace esempio di architettura biologica, che mira a creare un nuovo habitat cittadino, in cui la presenza della vegetazione costituisce l’aspetto più importante. In grado di assorbire CO2 e polveri, producendo ossigeno, alberi e piante proteggono abitazioni e persone dall’inquinamento atmosferico, nonché da quello acustico.

Bosco-Verticale-by-Boeri-Studio_dezeen_468_0

 

Bosco-Verticale-by-Boeri-Studio-_dezeen_468_3

Bosco-Verticale-by-Boeri-Studio-_dezeen_468_6

Bosco-Verticale-by-Boeri-Studio-_dezeen_468_9

Foto di Daniele Zacchi.

 

***

Visita il nostro sito www.cetos.it

cetos-firma-v4

Be first to comment