Un linguaggio anticlassico e provocatorio

001_3_full

 

Il progetto riguarda un teatro per la danza a Gent, in Belgio, Les Ballets C de la B and LOD.

 

I progettisti sono il giovane studio belga De Vylder Vinck Taillieu, incontrati poco fa con il loro progetto di casa integrata con gli alberi, e il loro approccio poetico all’architettura

 

Questo intervento si sviluppa in un lotto irregolare chiuso tra vari edifici preesistenti, condizione che fa optare per la scelta di scomporre l’idea iniziale di un un unico grande edificio in due più piccole strutture gemelle.

 

Ad un primo sguardo sembra di trovarsi davanti ad un intervento di riuso-ristrutturazione, un edificio esistente impacchettato da un nuovo involucro vetrato, ma non è così. L’edificio è interamente nuovo e gioca su quest’effetto di confusione che genera fusione del nuovo edificio all’interno del contesto, come se almeno in parte, fosse sempre stato lì.

 

Una struttura mista in mattoni faccia a vista, calcestruzzo, elementi strutturali in acciaio verniciato di verde dalle finiture assolutamente spartane viene avvolto da un sistema di vetrate continue in alluminio, punteggiate da alcuni elementi apribili e da tendaggi.

Un linguaggio assolutamente anticlassico e provocatorio, funzionalismo che diventa un’esaltazione del caso apparente.

 

HeL-31_full 013_full 21b_full HeL-010b_full 003_3_full 007_3_full 08_full 008_full 10_full

Be first to comment