Un caso di vintage contemporaneo in Serbia

05_full

La casa è parte del complesso culturale e turistico “Terra Pannonica” nel villaggio di  Mokrin, nel nord della Serbia. All’interno dell’edificio sono previste cinque diversi spazi funzionali, di cui fino ad ora ne sono stati completati due.

 

Casa B è stata completata nel 2010 come ufficio e spazio studio, Casa A è stata completata nel 2012 come guest house con appartamenti e spazi comuni per il relax e la socializzazione.

 

La casa recentemente completata è una villa unifamiliare del 1925, la sfida degli architetti dello studio AUTORI è stata quella di trasformare sia lo schema funzionale che l’aspetto generale della casa al fine di soddisfare le nuove esigenze estetiche pur conservando le caratteristiche dell’ambiente.

 

Le richieste sono: una sala da pranzo comune ed un portico, due saloni, un appartamento padronale, cucina e servizi igienici a piano terra, cinque appartamentini e una terrazza al piano superiore e una cantina con spazio club nel sotterraneo. Un vero e proprio stravolgimento funzionale rispetto alla casa di famiglia che era. Le aree comuni sono state concentrate in uno spazio centrale dal quale come un flusso libero si diramano gli altri spazi. Un portico è stato aggiunto all’esterno in qualità di zona di transizione tra interno ed esterno.

 

I nuovi spazi, come gli appartamenti al piano superiore,  sono semplici e luminosi e contengono alcuni dettagli curiosi, come ad esempio una scala metallica che si compone di due parti staccabili. Anche i mobili riciclati dai vecchi uffici del governo jugoslavo aggiungono un fascino unico all’ambiente. Casa A rappresenta una interessante risposta per quanto riguarda la sfida degli ambienti contemporanei a rispettare la continuità dei valori tradizionali e locali, dimostrando che l’essere contemporaneo non significa necessariamente entrare in conflitto con il patrimonio storico.

 
06_full

15_full

04_full

23_full

20_full

Be first to comment