Consigli sulla pulizia dei nostri prodotti spendendo poco

Il compito dei nostri infissi è quello di garantire l’ingresso della luce e di assicurare agli ambienti interni un indispensabile isolamento termico. Mantenerli puliti e curati aiuta a preservarli dagli attacchi degli agenti atmosferici e delle sostanze inquinanti, e a rendere il vostro spazio abitativo sempre accogliente.

La pulizia degli infissi in legno andrebbe effettuata ogni sei mesi, di solito prima del periodo estivo e prima di quello invernale. Nelle zone soggette a smog elevato può essere ripetuta anche più spesso.

Svolgere questo tipo di manutenzione è importante, quanto semplice ed economica. Non occorrono detergenti particolari. Basterà utilizzare una soluzione composta da acqua (90%) e sapone neutro (10%), passarla sulla superficie, facendo attenzione a raggiungere tutte le parti e gli angoli e, successivamente, asciugare il tutto con un panno pulito.

Per la pulizia dei vetri, la asUc (Associazione Uomini Casalinghi) consiglia di mettere in un flacone con erogatore spray un quarto di litro di acqua, mezzo bicchiere di aceto, mezzo bicchiere di alcool e tre gocce di liquido per stoviglie. Il composto liquido che ne risulta va spruzzato,in piccole quantità, sulla superficie da pulire, quindi asciugato strofinando con un panno asciutto o della carta di giornale. Per evitare spiacevoli aloni, è preferibile non lavorare al sole. Ad ogni modo, per capire se gli aloni siano dentro o fuori, sarà sufficiente asciugare l’interno con movimenti orizzontali e l’esterno in verticale (o viceversa).

Per l’alluminio sarà sufficiente un panno imbevuto di una soluzione fatta di acqua calda e bicarbonato di sodio, o un pizzico di sale.  Per lucidarlo basterà diluire in parti uguali olio di lino, o un olio vegetale qualsiasi, come quello d’oliva o semi vari, e alcol. Una piccola dose di questa miscela su un panno asciutto e morbido e movimenti veloci assicurano un ottimo risultato.

Gli infissi in PVC richiedono una manutenzione minima, ma è molto importante evitare spugne e detergenti abrasivi. Anche in questo caso esiste un modo ecologico ed economico per pulirli.  Dopo aver rimosso polvere e detriti con una aspirapolvere, basterà preparare una soluzione composta da una parte d’acqua e una d’aceto e spruzzarla direttamente sulla superficie. Dopo averla fatta agire per qualche minuto occorrerà passare un panno asciutto e morbido.

La manutenzione degli infissi non è un processo così delicato e articolato come si potrebbe pensare. Bastano piccoli e semplici accorgimenti per curare e difendere la naturale bellezza dei prodotti Cetos, senza necessariamente stressare l’ambiente e le proprie tasche.

 

Be first to comment